La nostra posizione sull’iniziativa del Prof. Ferraro

Nel nostro ateneo, attentissimo a tutti i parametri di qualità e di ranking, se un docente si mette di mezzo su queste valutazioni e crea danno può partire per la miniera di sassus drittus frazione di carbonia. Riceverà un ostracismo sociale totale. Sto seguendo la procedura VQR. Ho raccolto tutte le pubblicazioni eleggibili di tutti i miei docenti. Siamo tutti bibliometrici e quindi è facile. I ns matematici hanno fatto un codice che in base a riviste citazioni impact factor analizzano tutte le pubblicazioni. Ne scelgono poi due per docente (quelle richieste) per massimizzare il risultato atteso di tutto il dipartimento e dell’ateneo. Ai docenti arriva una comunicazione scritta che dice: segnala le pubblicazioni 1 e 2. Sei libero di segnalare quello che vuoi ma se il risultato finale con le tue scelte sarà più basso di quello simulato da noi con la scelta consigliata diventeranno cazzi tua… viene scritto in bell’italiano mellifluo ma le azioni conseguenti messe in atto dal direttore sarebbero da lacrime. In questi giorni con l’autovalutazione vqr ho già iniziato a togliere laboratori alle bad company… e assegnarli ai giovani in crescita.

Con questa politica se solo vado a dire di appoggiare la rivendicazione Ferraro mi impalano in pubblica piazza.

 

Prof. Maurizio Masi

Decreto Legislativo 29 Marzo 2012, n. 49

Disciplina per la programmazione, il monitoraggio e  la  valutazione delle politiche di  bilancio  e  di  reclutamento  degli  atenei,  in attuazione della delega prevista  dall’articolo  5,  comma  1,  della legge 30  dicembre  2010,  n.  240  e  per  il  raggiungimento  degli obiettivi previsti dal comma 1, lettere b) e c), secondo  i  principi normativi e i criteri direttivi stabiliti al comma 4, lettere b), c), d), e) ed f) e al comma 5.

Testo completo del decreto legislativo in allegato

 


 

Scarica Allegati

Decreto Direttoriale 23 Gennaio 2014, n. 197 “SIR – Scientific Indipendence of young Researchers”

Il bando Sir prevede il finanziamento di progetti svolti da gruppi di ricerca indipendenti e di elevata qualità scientifica sotto il coordinamento di un Principal Investigator (PI), italiano o straniero, residente in Italia o all’estero, anche lui under 40, che deve aver conseguito il suo primo dottorato (o la specializzazione di area medica, in assenza del dottorato) non prima di 6 anni rispetto alla data del bando e deve aver già prodotto almeno una pubblicazione senza la partecipazione del relatore della tesi di dottorato alla data del bando.

 

LINK DIRETTO